Judo Paraolimpico [ Regole, Storia, … ]

Storia del Judo Paralimpico

Judo paraolimpico è un adattamento del judo tradizionale, che è stato sviluppato per essere praticato da persone con disabilità visive.

Questo sport è stato introdotto nel programma Paralympic in 1988 (Seoul), ma solo per gli uomini, solo ad Atene 2004 è quello che ha introdotto la variante femminile.

Il Brasile ha finora accumulato le medaglie 18 in questa modalità, di solito con alcuni dei contendenti di medaglia alta.

Regole del Judo Parallimico

Le regole sono molto simili rispetto al judo tradizionale, avendo lo stesso punto e sistema di vestiti.

Ci sono comunque alcune differenze, come:

  • I giuda hanno già cominciato a prendere il kimono degli altri;
  • Quando perdono il contatto totale tra loro, l’arbitro interrompe la partita;
  • Gli atleti non sono puniti per lasciare la zona di combattimento;
  • I Judokas che sono totalmente cieco sono identificati con una striscia rossa 7 nelle maniche del loro kimono.

judo-Paralimpico-rules

Classificazione

Come nel judo tradizionale, i judoka sono divisi per classi di peso.

La particolarità del judo paralimpico è che essi sono ulteriormente suddivisi in base al loro grado di visione. Le valutazioni sono le seguenti:

  • B1 –Quando il judoka è completamente cieco e non può vedere o distinguere la forma di una mano, dato che ha una percezione luminosa nulla;
  • B2 –Qui il judoka può vedere forme e distinguere la forma di una mano in acuità visiva fino a 2 / 60;
  • B3 –Possibile definizione di immagini, con acuità visiva tra 2 / 60 e 6 / 60;

Quindi, hai imparato di più sul giudo paraolimpico, sulla sua storia e sulle sue regole?

Farcelo commenti tutte le domande che avete avuto insieme a qualsiasi suggerimento o opinione sull’articolo.

 

Leia Mais >  Tennis da Tavolo Paraolimpico [ Storia, Regole, ... ]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *